Configurare un secondo IP

Esiste una possibilità di configurare due IP sulla stessa macchina con un’unica scheda di rete? Ebbene si, Basta infatti andare in Pannello di Controllo -> Connessioni di rete-> tasto destro del mouse e clic sulla voce Proprietà. Doppio clic su Protocollo Internet (TCP/IP), clic su pulsante Avanzate. Nella scheda che apparre sotto la voce Indirizzo Ip fare clic su Aggiungi. A questo punto è possibile aggiungere un’altro indirizzo con la sottorete.

N.B. Io ho notato che per avere un PC sia su rete normale che su rete Internet, cambiando i numeri di TC/IP di INternet, ho dovuto mettere prima la rete locale e poi aggiungere INTERNET.

Deframmentare il registro di configurazione

Col passare del tempo il registro di configurazione si va gonfiando sempre più, e la continua scrittura e cancellazione di dati causa una frammentazione sempre maggiore che incide sulla velocità del sistema. Perciò è opportuno periodicamente deframmentare il registro per ottimizzarlo. Questa operazione va eseguita avviando il computer in modalità Ms-Dos e dare il comando scanreg/opt.

WINXP Ottimizzazione dei servizi all’avvio

I Servizi, come abbiamo detto, sono programmi che vengono avviati automaticamente e che continuano ad operare in background, occupando preziose risorse; essendo piuttosto numerosi, la loro disabilitazione corrisponde ad un’aumento della velocità complessiva del sistema non indifferente.
Seguendo questa guida, riuscirete a disabilitarne la maggior parte possibile, guadagnando fino a 20mb di ram nel normale utilizzo del PC. Innanzitutto osserviamo alcune della funzioni che svolgono:
-Acquisizione di immagini di Windows (WIA)
Il servizio gestisce l’acquisizione delle immagini da periferiche come scanner e fotocamere digitali. Risulta di fatto inutile nel caso non si dispone di nessuna di queste periferiche.
-Servizio COM di masterizzazione CD IMAPI
È una nuova feature che permette a Windows XP di poter leggere e scrivere su un CD in modo simile al funzionamento del floppy disk; ovviamente, nel caso in cui non abbiate un masterizzatore o si vogliano usare programmi “esterni”, il servizio non va avviato.
-Servizio Ripristino configurazione di sistema
Questa utility, già presente in Windows 2000, permette di recuperare il sistema in caso di gravi danni che impediscano l’accesso a Windows. Essa “scatta” un’immagine del sistema e crea dei punti di ripristino da cui partire in caso di grave danno o crash. L’utente più esigente può non voler utilizzare questo servizio, che opera in background consumando cicli di sistema e crea files sul disco rigido.
-Spooler di stampa
È il servizio che permette di stampare documenti, immagini ecc. Se non si possiede una stampante è possibile disabilitare questo servizio.

Per agire sui servizi basterà digitare SERVICES.MSC in Start/Esegui, oppure più semplicemente portarsi nella cartella services (Pannello di controllo/Strumenti di amministrazione); vedrete una elenco, e per ogni servizio una breve descrizione di esso; potrete agire facendo doppio click sul servizio che vi interessa (vedi immagine al lato) e nella casella “tipo di avvio” selezionare una delle tre opzioni:
-DISABILITATO: il servizio non viene caricato, quindi sarà impossibile avviarlo durante la sessione di Windows;
-MANUALE: il servizio non verrà arriato automaticamente, ma necessiterà di un altro servizio o di una applicazione per poter avviarsi;
-AUTOMATICO: il servizio verra automaticamente caricato all’avvio di Windows.
Diverse prove ci hanno portato ad ottenere una configurazione ottimale, ottenendo così le massime performance; i servizi da impostare su DISABILITATO se non si dispone di una rete sono:
– Helper Netbios TPC/IP
– Helper Smartcard
– Manutenzione Collegamenti distribuiti client
– Registro Sistema remoto
– Servizi Ipsec
– Messenger
– Servizio trasferimento intelligente in background
I servizi da impostare su AUTOMATICO in ogni caso sono:
– Audio Windows
– Plug and Play
– Registro Eventi
– RPC
– Spooler di Stampa
– Strumentazione Gestione Windows
– Servizi di indicizzazione

Impostate invece su MANUALE l’avvio dei seguenti servizi:
– Auto Connection Manager di Accesso Remoto
– Connection Manager di Accesso Remoto
– Connessione di Rete
– NLA (Network Location Awareness)
– RPC Locator
– Servizi Terminal
– Sistema di Eventi COM+
– Telefonia
– Windows Installer
– Server
– DDE di rete
– DDE DSM di Rete
– Distribued Transaction Coordinator
Gli altri servizi, naturalmente, dovranno essere impostati su DISABILITATO.
Riavviate il sistema e godetevi i miglioramenti.

Windows XP meno servizi + ram

Windows Xp al suo caricamento apre molti servizi, per l’esattezza 89, non tutti
realmente utili
che vanno ad occupare 70mb della preziosissima ram. Sarebbe meglio disabilitarne
alcuni.

Procedura:
1. Andate in Start/Impostazioni/Pannello di controllo/Strumenti di
amministrazione/Servizi
2. Vi apparirà un pagina piena di servizi elencati per disabilitarli selezionate
le proprietà di
un servizio e rendete il Tipo di avvio DISABILITATO.
3. Potete scegliere a piacere consultando nella descrizione a fianco del
servizio ma solo quando
siete sicuri. Ecco una lista dei più inutili:

.Messenger
.Smart card
.Helper smart card
.WebClient
.Temi
.Telnet
.Servizio di indicizzazione
.Clipbook
.DDE di rete
.DDE DSDM di rete
.Qos RSVP
.Servizio di rilevamento SSDP
.Host di periferiche Plug and Play universali
.Accesso secondario
.Aggiornamenti automatici
.Guida in linea e supporto tecnico
.Numero di serie del supporto portatile
.Ora di Windows (non è l’ora del sistema!!!)
.Zero configuration reti senza fili
.Servizio di segnalazione errori
.Utilità di pianificazione

Riavvio automatico di WIndows

Può capitare di non volere che WINDOWS si riavvi automaticamente quando va incontro ad un CRASH ma noi vogliamo le classiche schermate blu per saper cosa è successo. Ebene si, ora con qualche piccola modifica è possibile ottenere questo.
Se si desidera togliere i riavvii andate su Pannello di controllo – Prestazioni e manutenzione – Sistema – Avanzate – Avvio e ripristino.
Da qui togliere il segno di spunta da Riavvia automaticamente. Certo torneranno le famosissime pagine blu.. ma potremmo ricavare qualcosa di utile. In alternativa potete aprire il registro e posizionarsi alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINESYSTEMCurrentControlSetControl
CrashControl impostando il valore AutoReboot a 1.

Scoprire a cosa corrisponde il numero di errore delle schermate blu di WINDOWS

Chi usa windows, sia esso un principiante, un piccolo esperto o uno smanettone incallito, sa che spesso il sistema operativo per vari motivi va in crash di sistema, il programma utilizzato si blocca, appare la famigerata schermata blu e …buonanotte. Il sistema manda anche segnali particolari tipo i messaggi d’errore, dando i numeri e strani codici, che nella maggior parte dei casi nessuno sa cosa accidenti significano! Questo semplicissimo programma, velocissimo da scaricare e assolutamente freeware vi permette di scoprire, inserendo il codice dell’errore, che cosa è successo, con una chiara spiegazione in italiano. Si può scaricare liberamente cliccando qui

Aprire il Prompt dei comandi da una cartella

Ecco come modificare il menu contestuale del mouse (per capirci il click con il tasto destro del mouse) in modo da aggiungere una voce che ci apra il Prompt dei Comandi direttamente nella cartella in cui siamo posizionati. In questo modo ci sarà risparmiata quella lunga operazione di digitazione delle directory.
Aprire il registro di sistema e posizionarsi alla chiave:
HKEY_CLASSES_ROOTDirectoryshell
Al suo interno, se non già presente, creare una nuova chiave (Modifica – Nuovo – Chiave) nominandola
Command
Cliccare due volte sulla stringa Predefinito che si vede sulla destra e impostare come valore quello che si vuole compaia nel menu contestuale, ad esempio “Prompt dei comandi”.
Ora all’interno della chiave Command precedentemente creata, crearne un’altra a cui dare nome command. Sulla destra cliccare nuovamente due volte sopra la stringa Predefinito e assegnare valore cmd.exe /k cd “%1” così come è scritto.
Chiudere il registro e riavviare il pc per rendere effettive le modifiche.
Da adesso usando il tasto di destro del mouse su una directory di Esplora risorsesi accederà direttamente al command e posizionarsi in quella cartella.